Servizio gratuito per le aziende

Smart working: i migliori servizi provati per te

Top Partners non si ferma e cerca di aiutarti anche a trovare il metodo più semplice e pratico per lavorare in smart working da casa, fornendoti una sua personale lista dei migliori software gratuiti.

Lavorare in smart working

Dal 9 marzo, per via del DPCM, la maggior parte dei lavoratori sono stati invitati dalle proprie aziende a lavorare in smart working da casa, per evitare il diffondersi dell’epidemia Covid-19. Per venire incontro alle esigenze delle imprese, il Governo ha realizzato un’interessante iniziativa destinata a tutti i cittadini italiani, Solidarietà Digitale. Lo scopo è di invitare tutte le società di software e comunicazione ad offrire i propri servizi per venire incontro alle necessità e migliorare la vita di tutti, lavoratori, imprese e semplici cittadini. Numerose sono state le società che hanno aderito, mettendo gratuitamente a disposizione i propri servizi digitali per permettere alle imprese di far lavorare da casa in smart working, restando in contatto con i colleghi, condividere file, effettuare video call e molto altro.

Anche Top Partners ha scelto questa modalità per continuare ad erogare i suoi servizi alle tantissime imprese italiane, come di consueto, ma ancor più in questo momento di difficoltà.

Abbiamo provato alcune piattaforme per poi sceglierne quella più pratica e rapida da installare. Ecco di seguito alcune considerazioni, utili ci auguriamo anche a voi.

5 piattaforme di smart working a confronto provate per voi

Grazie alle promozioni gratuite offerte dalle società in questo periodo, ne abbiamo testato 5. Il primo software è stato Microsoft Teams, parte della Suite di Office 365, che permette di organizzare riunioni, condividere file, effettuare conversazioni tra i team e avviare video call tra due o più persone. L’app risulta molto intuitiva e di facile utilizzo, disponibile per smartphone, tablet e computer. L’app dispone di un abbonamento gratuito o di uno a pagamento, incluso per chi possiede Office 365. Diretto rivale è il servizio offerto da Google: Meet. Questa applicazione permette di effettuare conference call e video, chiamate fino a 250 partecipanti, con condivisione dello schermo e traduzioni linguistiche. Condividendo il link della call in corso sarà possibile far partecipare chiunque. Altro servizio disponibile gratuitamente, grazie a Solidarietà Digitale, è Cisco Webex Meetings. Il servizio offre la possibilità, per aziende e professionisti, di lavorare da remoto, permette di pianificare e partecipare a riunioni, collaborare e condividere documenti e dati, in modo semplice, veloce e sicuro. Disponibile sia da web che da app per smartphone e tablet, potrai restare in contatto via video call con tutti i colleghi del team. Zoom Cloud Meetings, invece è un altro servizio, molto simile a Skype, che permette di effettuare video conference, gratuitamente, “one to one” o fino ad un massimo di 100 partecipanti. È possibile condividere lo schermo con gli altri partecipanti per mostrare il lavoro in corso o un file specifico. È disponibile per smartphone, tablet e web e per iniziare una chiamata sarà necessario, solamente, condividere il link della call in corso.

Top Partners ha scelto Skype

L’ultima menzione riguarda l’app per le videochiamate per eccellenza, Skype, che è stata la nostra scelta per lavorare in smart working. La motivazione principale per tale decisione è stata la rapidità d’implementazione, poiché quasi tutti noi eravamo iscritti da molti anni a questo servizio offerto da Microsoft, quindi la creazione del gruppo #toppartnersnonsiferma è stata immediata, consentendoci di effettuare video call con tutti i membri del team, senza alcun problema di latenza del segnale, condividendo files di qualunque tipo e schermo in maniera molto rapida e semplice. Skype è disponibile per tutti i dispositivi, dai computer agli smartphone e la versione gratuita permette video call fino a un massimo di 50 partecipanti.

Oggi quindi la nostra routine lavorativa in smart working inizia con un saluto su Skype alle 9, un modo per sentirsi comunque vicini.

Speriamo che queste informazioni vi possano esser state utili.

Ma se avete altre necessità informatiche come: ampliare la rete, utilizzare questi giorni di stasi delle attività per rifare il sito, implementare un sito e-commerce, o quell’app a cui non avete avuto mai modo di riflettere davvero o impostare nuove campagne seo/sem, non esitate a contattare i nostri partners: clicca qui!

Stay tuned con Top Partners