Carte aziendali: carte di credito o carte prepagate?

Si parla spesso di carte di credito e carte prepagate senza capire realmente quali siano le differenze tra le due. Carte di credito e carte prepagate possono sembrare molto simili per il tipo di servizio che offrono ma presentano importanti differenze. Quale carta aziendale scegliere dipende dalle effettive esigente dell’impresa e dall’uso che ne viene fatto da parte dei collaboratori a cui vengono assegnate le carte.

Carte business

Le carte di credito business o le carte business prepagate sono strumenti fondamentali per chi gestisce e amministra un’impresa, in quanto necessari per monitorare i vari pagamenti che vengono effettuati per le spese aziendali: dai fornitori alle utenze, nonché acquisti online programmati o imprevisti. Infatti, le carte aziendali, siano esse di credito o prepagate, offrono la possibilità alla società, all’azienda o all’imprenditore di analizzare le spese effettuate durante il mese, quasi in tempo reale, tramite l’accesso online ad un pannello di controllo. Inoltre, è possibile creare carte nominative per i dipendenti, fissare limiti di spesa differenziati in base alle carte, monitorare i costi di trasferte e altre spese effettuate dai dipendenti, ai quali non viene più richiesto anticipo di contante e la compilazione delle note spese. L’eliminazione delle note spese dei dipendenti ha un duplice vantaggio: da un lato il lavoratore non deve più dedicare tempo alla rendicontazione delle spese, sottraendo ore lavoro alle sue attività primarie e più produttive, dall’altro l’amministrazione non deve procedere a pagamenti e preventivi controllo dei giustificativi di spesa; tutto il processo diventa quindi più snello a vantaggio di tutti i soggetti coinvolti.

Come funziona la carta di credito

Una carta di credito è uno strumento elettronico, che deve essere direttamente collegato ad un conto corrente e che permette di effettuare pagamenti a prescindere dalla disponibilità economica sul proprio conto. Questo significa che non serve disporre dell’esatta somma economica per acquisire un determinato bene o servizio. Di solito, per pagare le proprie spese si ha a disposizione un periodo di tempo di 30 giorni, questo arco temporale in genere è variabile a seconda delle carte e nel caso di American Express viene concessa una dilazione di pagamento fino a 51 giorni. Per questa ragione, si può tranquillamente affermare che la banca effettua una forma di credito verso il proprio cliente, potendo effettuare acquisti anche senza liquidità sul conto. Con una carta di credito, è possibile pagare presso gli esercenti commerciali, prelevare denaro presso gli sportelli automatici ed o noleggiare un’auto. Ma quanto costa una carta di credito? Nella generalità dei casi, la carta di credito prevede il pagamento di un canone annuo ed ha un processo di attivazione leggermente piu complesso. Infatti, è necessario disporre di un flusso di denaro in entrata costante per poter avere le garanzie bancarie che consentono il rilascio della carta. In poche parole, se si è un privato è necessario disporre di uno stipendio o di una pensione, se si è un’azienda o una partita Iva occorre avere dei requisiti reddituali tali per cui la banca possa ritenere il soggetto affidabile.

Questo significa che non tutti possono disporre di una carta di credito sia essa privata o aziendale.

Come funzionano le carte prepagate

Le carte prepagate sono un altro sistema di pagamento elettronico che, a differenza di una carta di credito, non sono collegate al conto corrente bancario del cliente. Offrono gli stessi servizi di una carta di credito, come la possibilità di pagare negli esercizi commerciali, effettuare prenotazioni, prelevare contante e pagare online tramite internet. Inoltre, ci sono carte prepagate, come le carte Soldo, che possono essere utilizzate per dare accesso al denaro aziendale ai propri dipendenti, pur controllando tutte le spese effettuate, proprio come le carte di credito business, la differenza è il credito zero. Le carte Soldo possono essere utilizzate come carte carburante o prepagate nominative per i dipendenti. Come funzionano? Dopo aver effettuato un pagamento in una delle modalità precedentemente descritte, la somma presente viene immediatamente rimossa dalla carta che non potrà mai avere un valore inferiore a zero euro; questa caratteristica la rende una carta più sicura perchè previene possibili tentativi di frode. Un altro vantaggio delle carte prepagate è quello di non avere un limite di “plafond” il che significa che non esiste un limite nell’ammontare caricabile sulla carta e può essere variabile in base alle esigenze.

L’ottenimento di una carta prepagata è molto semplice, infatti, non prevede alcun requisito di affidabilità creditizia e quindi risultano molto utili per quei clienti che, per svariate ragioni, non riescono ad ottenere una carta di credito dalla propria banca.

Ti interessa l’argomento? Sei un artigiano, un professionista o un imprenditore e vuoi valutare le carte business presenti sul mercato? Chiedi una consulenza gratuita